IL TUO AMORE PUÓ ABBATTERE LE SBARRE

IL TUO AMORE PUÓ ABBATTERE LE SBARRE

Era la metà del XIX secolo quando Don Bosco diede inizio a un’opera rivoluzionaria: cercare i giovani che più avevano bisogno di aiuto, fino ad arrivare ai bambini e ai ragazzi detenuti alla Generala, il “riformatorio dei ragazzi” di Torino, per farli sentire amati e portarli con sé all’oratorio una volta ottenuta la libertà.

Quest’opera non si è mai fermata e, da allora, oggi continua in tutti i Paesi del Sud del mondo in cui i missionari salesiani lavorano con i ragazzi e le ragazze in prigione.

Minori in pericolo, provenienti da contesti di degrado, sofferenza, emarginazione che hanno bisogno di sentirsi amati, importanti, degni di fiducia. Una fiducia ricolma di carità che, attraverso l’educazione, l’istruzione, l’affetto, li salverà da un destino di marginalità e li guiderà verso un domani di rinascita e di riscatto sociale. In Africa, in Asia, in Sudamerica…

La situazione dei minori in carcere nel mondo

1.000.000

bambini in carcere nel mondo

59%

minori detenuti in attesa di giudizio

68

Paesi in cui è previsto l’ergastolo

IN MESSICO
PATIO INCLUYENTE

A Ciudad Juarez, una delle città con il più alto tasso di criminalità al mondo, i salesiani, dopo aver aperto un oratorio in 3 quartieri, lo hanno portato in carcere, fra i detenuti di minore età, accogliendoli in un “cortile inclusivo”. Alle attività di animazione hanno poi affiancato un vero e proprio programma di riabilitazione che parte dall’assistenza legale e psicologica ad un percorso di formazione professionale.

IN INDIA
NEVER LATE TO BEGIN

A Chennai, capitale del Tamil Nadu, i salesiani aiutano i minori partendo dal presupposto che ogni bambino entrato in conflitto con la legge è stato ed è un bambino in difficoltà, e per questo va aiutato, non punito. Il progetto prevede azioni di screening e orientamento, un percorso psicologico, di riavvicinamento familiare e di formazione professionale, nonché, eventualmente l’accoglienza presso una struttura salesiana.

IN ANGOLA
UM NOVO COMEÇO

In Angola non esistono strutture carcerarie riservate ai minori che hanno commesso reati. I ragazzi, dopo l’udienza del tribunale minorile, vengono presi in carico dai servizi sociali. Il lavoro dei missionari a Luanda, la capitale angolana, viene svolto a stretto contatto con le famiglie, non solo cercando di far rientrare i ragazzi nel nucleo di origine, ma anche offrendo ai genitori un supporto psicologico e la possibilità di frequentare corsi professionali.

Riproduci video

IN SIERRA LEONE
DON BOSCO FAMBUL

A Freetown i missionari salesiani ad oggi sono gli unici a poter entrare nel carcere minorile di Pademba, ogni settimana i Figli di Don Bosco garantiscono un pasto extra, acqua e un frutto a 225 ragazzi detenuti. Inoltre gli operatori del Don Bosco Fambul insegnano ai giovani a leggere, scrivere, contare e a imparare ad usare un computer per avere una possibilità in più di sfuggire alla strada quando usciranno dal carcere.

MISSIONI DON BOSCO VALDOCCO ONLUS
Via Maria Ausiliatrice 32 10152 Torino (TO)
mail: info@missionidonbosco.org – tel: 0113990101
Codice fiscale: 97792970010 – Privacy

Informazioni sul trattamento dei dati personali

 Missioni Don Bosco è consapevole dell’importanza di una sicura e riservata navigazione in rete e, ai sensi del regolamento UE 2016/679 (art. 13) e del D. Lgs 101/2018, fornisce, in coerenza al principio di trasparenza, le seguenti informazioni al fine di rendere consapevole l’utente delle caratteristiche e modalità del trattamento dei dati:

 

a) Identità e dati di contatto

Si informa che il “Titolare” del trattamento è: MISSIONI DI DON BOSCO VALDOCCO ONLUS con sede a Torino in Via Maria Ausiliatrice 32, cap:10152; città: Torino.

Si riportano i seguenti dati di contatto: telefono: 011.3990101;

indirizzo mail: info@missionidonbosco.orgcasella di posta elettronica certificata (Pec): missionidonbosco@postecert.it

Legale rappresentante: Giampietro Pettenon

 

b) Dati di contatto del responsabile della protezione dei dati personali (DPO) se obbligatorio o se presente

Si informa che l’ente ha designato, ai sensi dell’art. 37 GDPR, responsabile della protezione dei dati personaliGiampietro Pettenon che è contattabile attraverso i seguenti canali: indirizzo:

Via Maria Ausiliatrice 32, 10152 Torino     

mail privacy@missionidonbosco.org;  telefono 0113990101.

 

c) Finalità del trattamento, base giuridica e legittimo interesse

I trattamenti dei dati personali richiesti all’interessato avvengono oltre che per adempimento ad obblighi normativi, regolamentari, imposti dall’Autorità, per le seguenti finalità:

  • Gestione delle donazioni/liberalità effettuate dall’interessato nell’ambito delle iniziative di solidarietà e promozione sociale intraprese a favore dell’Opera salesiana nei Paesi in via di sviluppo e comunicazioni in merito.

La base giuridica del trattamento è l’autorizzazione rilasciata ovvero il versamento della donazione/liberalità effettuata da intendersi come autorizzazione al trattamento.

Il trattamento è necessario per il perseguimento del legittimo interesse del titolare del trattamento nell’ambito delle finalità dirette ed accessorie sopra illustrate.

La liceità del trattamento si basa sulla autorizzazione rilasciata e sulla normativa di settore.

 

d) Destinatari ed eventuali categorie di destinatari dei dati personali

I dati sono trattati all’interno dell’ente da soggetti autorizzati del trattamento dei dati sotto la responsabilità del Titolare per le finalità sopra riportate.

I dati potranno essere comunicati ai seguenti soggetti responsabili del trattamento esterni che hanno stipulato specifici accordi, convenzioni o protocolli di intese, contratti con il titolare del trattamento.

I dati potranno essere comunicati alle seguenti categorie di destinatari: fornitori di servizi logistici connessi (spedizioni, ecc.).

 

e) Trasferimento dati a paese terzo

Il Titolare non trasferirà i dati presso un paese terzo o ad un’organizzazione internazionale.

 

f) Periodo di conservazione dei dati

I dati personali saranno conservati per un periodo di tempo di cinque   anni a decorrere dall’ultima donazione/liberalità.

In ogni caso i dati saranno conservati per il tempo strettamente necessario con riferimento alle finalità per i quali sono stati raccolti.

L’ente utilizza tutte le misure di sicurezza necessarie al miglioramento della protezione e la manutenzione della sicurezza, dell’integrità e dell’accessibilità dei Suoi dati personali.

Tutti i Suoi dati personali sono conservati sui nostri server protetti (o copie cartacee idoneamente archiviate).

 

g) Diritti sui dati

Si precisa che, in riferimento ai Suoi dati personali, può esercitare i seguenti diritti:

diritto di accesso ai suoi dati personali; diritto di ottenere la rettifica o la cancellazione degli stessi o la limitazione del trattamento che lo riguardano;

diritto di opporsi al trattamento;

diritto alla portabilità dei dati (diritto applicabile ai soli dati in formato elettronico), così come disciplinato dall’art. 20 del GDPR.

Il Titolare si impegna a risponderLe entro un mese dalla data di ricezione della richiesta, termine che può essere esteso fino a tre mesi nel caso di particolare complessità dell’istanza.

Si informa che poiché il trattamento dei dati è basato sull’articolo 6, paragrafo 1, lettera a), oppure sull’articolo 9, paragrafo 2, lettera a) del regolamento UE 2016/679 Lei ha diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prima della revoca.

In merito alle modalità di esercizio dei sopracitati diritti, l’interessato può scrivere a: Missioni Don Bosco Valdocco Onlus.

h) Reclamo

Si informa l’interessato che ha diritto, dopo aver contattato l’ente ed in caso di insoddisfazione alle richieste presentate, di proporre reclamo all’autorità di controllo individuata nel Garante privacy www.garanteprivacy.it

i) Comunicazioni di dati

Si informa che la comunicazione dei dati personali è un obbligo legale ed un requisito necessario per la conclusione della donazione/liberalità e del rapporto per le finalità di cui sopra.

j) Conferimento dei dati

Il conferimento dei dati è obbligatorio in quanto la comunicazione dei dati è un obbligo legale ed un requisito necessario per la conclusione della donazione /liberalità e del rapporto.

Il mancato conferimento dei dati non consentirà all’interessato di procedere al perfezionamento del procedimento.

 

 k) Finalità diversa del trattamento

Il titolare del trattamento non intende trattare ulteriormente i dati personali per una finalità diversa da quella per cui essi sono stati raccolti.